Come ritrovarsi dopo un litigio

Lo potrei sparare sulla luna! Gridare! Prenderlo a schiaffi! – Le fatiche per rimanere calma, non tenevano a lungo, poi arriva il badabum ed è tutto finito. Litigare è brutto. La rabbia distrugge rapporti. Ma un litigio non deve essere la fine...

È come una ferita sotto la pelle. L' aggressione cresce e bolle, fino ad arrivare in superficie, poi esplode e avvelena l‘ambiente. La rabbia ha già distrutto tanti matrimoni, amicizie e rapporti.

Comunque questa emozione non è da valutare soltanto al negativo. L’aggressione è una reazione naturale che può salvare la vita quando si viene attaccati. A noi serve questo shock di adrenalina, per difenderci o scappare, per uscire subito da una situazione.

Quello che in caso di pericolo è una difesa naturale non serve a niente in un rapporto. Eppure la rabbia, come anche l’aggressione , appaiono nei rapporti umani. Qua le emozioni si creano per frustrazione, per dolori d’animo o ferite vecchie, che non sono mai state elaborate.

Anche se in un rapporto le emozioni sono esplose, si può ugualmente ritrovare la strada insieme. La Bibbia in questo da un ottimo consiglio.

Superare l’orgoglio e fare il primo passo

Per fare la pace più delle volte si ha se stessi tra i piedi. Siamo troppo orgogliosi e aspettiamo che il primo passo per scusarsi lo faccia l' altra persona. E questo ci fa ancora più rabbia.

Si dia una spinta e superi il suo orgoglio. Faccia lei il primo passo verso l’altra persona. Nella BIBBIA, in Giacomo 4,10 Dio promette, di innalzare chi è pronto ad umiliarsi.

Decidersi di avere compassione

Sicuramente anche l' altra parte ha una certa colpa al fatto che sia avvenuto quel conflitto. E certamente ci sono cose da discutere per trovare una soluzione. Ma il primo passo in un rapporto è la compassione. Si decida contro la durezza e scelga l‘amore.

La compassione aiuta a non arrivare in breve tempo ad un nuovo litigio. Gesù è un grande esempio nell' empatia, Lui viveva pieno di amore e compassione. Si può leggere di questo nel vangelo di Matteo 9,36.

Assumersi la responsabilità e ammettere un torto

È sempre facile sconvolgersi sulle debolezze degli altri. Ma in un conflitto sono sempre  due i responsabili. Si prenda la sua responsabilità e affronti i suoi errori. Chieda perdono all' altra persona e sia pronto a perdonarsi a vicenda.

Il segreto profondo della propria cura interiore ha molto a che fare con l' ammettere il proprio sbaglio .

Da leggere in Giacomo 5,16.

Ascoltare anzi che fare tanti monologhi

In Giacomo 1,19 e scritto

Sappiate questo, fratelli miei carissimi: che ogni uomo sia pronto ad ascoltare,

lento a parlare, lento all'ira.»

 

Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre

Fonte: www.jesus.ch

Autor: Miriam Hinrichs