La Bibbia ci avverte di questo fin dai tempi più antichi:

 

"Non si trovi in mezzo a te .... chi esercita la divinazione,

né astrologo, né chi predice il futuro, né mago... né chi dice la fortuna...

perché il SIGNORE detesta chiunque fa queste cose;

a motivo di queste pratiche abominevoli,

il SIGNORE, il tuo Dio, sta per scacciare quelle nazioni dinanzi a te.

 Tu sarai integro verso il SIGNORE Dio tuo;poiché quelle nazioni,

che tu spodesterai, danno ascolto agli astrologi e agli indovini.

A te, invece, il SIGNORE, il tuo Dio, non lo permette.»

(Deuteronomio 18:10 -14)

 

Dio dice che la nostra vita ed i fatti della storia dipendono da Lui:

«Io ho annunziato, salvato, predetto,

e non un dio straniero in mezzo a voi;

voi me ne siete testimoni, dice il SIGNORE;

io sono Dio.

Da che fu il giorno, io sono;

nessuno può liberare dalla mia mano;

io opererò; chi potrà impedire la mia opera?»

(Isaia 43:12-13)

 

Dio promette un giudizio finale per chi pratica astrologia e magia:

 

«... si alzino dunque quelli che misurano il cielo,

che osservano le stelle, che fanno pronostici a ogni novilunio;

ti salvino essi dalle cose che ti piomberanno addosso!

Ecco, essi sono come stoppia; il fuoco li consuma;

non salveranno la loro vita dalla violenza della fiamma.»

(Isaia 47:13-14)

 

Il monito per ogni cristiano è questo:

«Se vi si dice:

"Consultate quelli che evocano gli spiriti e gli indovini,

quelli che sussurrano e bisbigliano",rispondete: "Un popolo non deve forse consultare il suo Dio?

Si rivolgerà forse ai morti in favore dei vivi?

Alla legge! Alla testimonianza!»

(Isaia 8:19-20)

 

Abbiamo la Parola di Dio che è vivente e vera: perché volgerci alla menzogna e all'inganno dell'astrologia?

I credenti dei primi secoli, quando si rendevano contro della gravità di questo peccato, bruciavano i libri ed ogni strumento che era servito per le loro pratiche occulte.

«Fra quanti avevano esercitato le arti magiche

molti portarono i loro libri, e li bruciarono in presenza di tutti;  e, calcolatone il prezzo, trovarono che era di cinquantamila dramme d'argento.»

(Atti 19:19)

 

(Claudia)