Studentessa iniziava le sue giornate con tequila

Arynn Andrews non avrebbe mai pensato che sarebbe finita in un istituto psichiatrico. Iniziò con colpi di tequila ogni giorno. E dopo che si è tagliata, è stata portata lì.

"Nel momento in cui ho visto il sangue, è stato come se ne fossi diventata dipendente", ricorda Arynn. "Mi sono quasi ricompensata in un modo davvero contorto con l'autolesionismo".

Arynn si respingeva dai cristiani. "Ho sempre pensato che i cristiani siano quelle persone enfatiche che vogliono che tu volti le spalle a tutto ciò che è divertente".

Non appena ha compiuto 18 anni e ha potuto andare alle feste, ha iniziato a bere. "Mi sono solo divertita e poi ho pensato a lungo che potevo andare avanti così e che non mi avrebbe mai raggiunto".

Quando era una studentessa diciannovenne in un college cristiano, ha iniziato a bere tequila alle otto del mattino. Non si rendeva conto di essere diventata un'alcolizzata.

Il "divertimento" si trasforma in depressione

Quasi impercettibilmente, il "divertimento" si è trasformato in una depressione. Ciò ha portato all'autolesionismo. “Più l'alcolismo progredisce, più forte è il bisogno di farti del male. Ho sentito che anche se Dio mi ama, non vuole avere molto a che fare con me, guarda solo dove sono finita".

La morte divenne la sua meditazione quotidiana e scolpire un'ossessione. “Ricordo che una sera ho deciso di provare almeno una volta, quindi ho preso il rasoio, mi sono tagliata i polsi e non è successo niente, quindi ho continuato. Dopotutto, ero circondata dal sangue, ma non sono morta dissanguata".

Un amico l'ha trovata, l'ha fermata e ha chiamato l'ambulanza. Arynn è stata portata in un istituto psichiatrico dove è stata sotto sorveglianza per una settimana.

Sembrava un fallimento

Si sentiva una fallita. Come può una giovane con così tanto talento e un brillante futuro finire in un istituto per malati di mente? Continuava a porsi questa domanda.

Un giorno un uomo si avvicinò a lei e le disse che Dio voleva che le parlasse. Dio l'ama e non l'ha lasciata. Le disse di leggere la Bibbia ogni giorno, cosa che trovava strana perché lo faceva da adolescente.

Tuttavia, le diede nuovo coraggio. "Ricordo ancora che avevo la sensazione che qualcosa di buono stesse per uscire dalla mia vita", si guarda indietro. "Non sapevo quale fosse il piano di Dio per me, ma so che sarebbe stato meglio che stare in un istituto psichiatrico".

Speranza ricevuta

Ha preso la decisione di leggere un capitolo della Bibbia ogni giorno e nel tempo la sua vita ha cominciato a cambiare. Ha ancora lottato con l'autolesionismo e la depressione, ma nel tempo si è ripresa e anche le sue cicatrici sono scomparse.

Alla fine, è stata in grado di lasciarsi alle spalle la sua vecchia vita.

Dio l'ha cambiata completamente. Gesù è quello su cui fare affidamento quando si ci sente deboli, dice oggi Arynn Andrews.

Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me,

perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre;

poiché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero».

Matteo 11:28-30

 

Traduzione dal tedesco: E. Schembre

Autore: Genesis Mendez / Daniel Gerber

Fonte: Godreports / Übersetzung: Livenet