<<Ho chiamato Gesù ed è venuto>>

Intava è nata a San Francisco, in California, ma la sua famiglia è originaria del Laos. Insieme adorano Buddha e molti altri dei. “Ad essere onesti, tutto aveva un Dio. Se volevi che lo scaffale della tua scuola fosse protetto, dovevi pregare il dio degli scaffali della scuola. Se avevi bisogno di un parcheggio, c'era anche un dio per questo ", ricorda la 22enne in un video sul suo canale YouTube" The Peace Board ".

Un codice morale tutto suo

Ma attraverso la cultura degli Stati Uniti, Intava ha anche sentito parlare dei Dieci Comandamenti. Le piacevano e decise di combinarli con le regole buddiste. «Ero come Mosè. Sono cresciuta in una famiglia che non conosceva Gesù", racconta. “Pensavo di essere una brava persona e che sarei andata in paradiso sana e salva. Le regole buddiste sono molto simili ai Dieci Comandamenti, quindi ero sicura che stavo osservando il mio codice morale.

Divorata dai suoi stessi peccati

Ma decisioni sbagliate hanno portato ad amici che l'hanno influenzata negativamente e ha iniziato a rompere questo "codice" a poco a poco. “Le persone che mi conoscevano solo all'esterno pensavano che fossi una brava persona, ma dentro ero davvero cattiva. Mi sentivo come se i miei peccati mi stessero sommergendo da dentro, mi sentivo sporca e non sapevo come uscirne".

Un giorno si sentì molto male emotivamente. E così ha cercato su Google la domanda "Come puoi curare lo scoraggiamento e il cuore spezzato?". Sono comparsi subito due articoli: un articolo scientifico che le consigliava di prendere l'aspirina. L'altro articolo diceva: "Pentiti dei tuoi peccati e torna a Gesù".

Dei, aspirina o Gesu'?

Non accettò nessuna delle due soluzioni, così si rivolse agli dei come al solito. «Ho chiesto agli dei buddisti, gli dei del Laos, dei greci e romani, dei degli egiziani, dei maya e degli indiani», racconta Intava. «Pregavo tutti – cercavo conforto da loro. Era davvero difficile. . . Ovunque cercavo qualcosa che mi aiutasse». . . Niente mi aiutava. A un certo punto è crollata, piangendo e singhiozzando: «Ho bisogno di un   salvatore!»

Ricordò la sua ricerca su Google e provò con l’aspirina, cosa che ovviamente non ha aiutato. Poi, all’inizio della pandemia, decise di saperne di più sui «pullman» e su «Gesù. » «Dio non ascolta quello che esce dalla tua bocca, ma quello che esce dal tuo cuore!» Una notte chiamò Gesù. Sentiva che i demoni erano nella sua stanza e volevano distruggerla. Mentre pregava, la sua stanza divenne improvvisamente luminosa. «Non era una luce elettrica, era una luce soprannaturale (. . . ) come un raggio di sole. »

Incontro soprannaturale

La paura l’ha presa. «Pensai: «Oh no, il santo e unico Dio è qui nella mia stanza». Mi sentivo così sporca del mio peccato e pensavo di dover morire». Poi, distesa sul pavimento, vide l’orlo di una veste, della veste di Gesù. «Era bellissimo, la luce era più chiara e più bianca che abbia mai visto. Sembrava che la veste stessa avesse luce». . . , ricorda nel video. Gesù era venuto da lei. «Avevo invocato tanti dei e nessuno è venuto. Quando ho chiamato Gesù, è venuto e tutti i demoni sono fuggiti. »

Oggi, Intava visita regolarmente una comunità e racconta sul suo canale Youtube le cose che impara sulla fede e su Gesù. Testimonia: «La profonda oscurità dentro di me è sparita. . . »

 

Traduzione dal tedesco: E. Schembre  

  Autore: Impacto Evangelistico / Rebekka Schmidt