Vincitore Super-Bowl Ramsey

Jalen Ramsey, difensore dei Los Angeles Rams, vince con la sua squadra il 56° Super Bowl. Prima di tutto ha sottolineato l’importanza di confidare in Gesù Cristo.

«Senza il mio Signore e Salvatore Gesù Cristo non sarei nulla, onestamente», dice Ramsey a «Sports Spectrum. » «Senza la sua grazia e la sua misericordia e la sua morte per i miei peccati, io non sono nulla. Sono peccatore per natura e imperfetto, ed è per questo che ho tanto bisogno di Gesù. »

L’atleta d’eccezione aggiunge: «Mi affido sempre alla mia fede e rendo onore a Dio. Lo lascio lavorare attraverso di me e cerco di crescere nella mia fede e di svilupparmi come uomo. »

«Figlio di Dio per mezzo di Gesù Cristo»

Nella sua biografia su Twitter e Instagram, Ramsey si definisce «figlio di Dio per mezzo della mia fede in Cristo. » Ramsey pubblica spesso versetti biblici, preghiere e altri contenuti legati alla fede sui suoi social media.

Durante la sua intervista ai media, Ramsey spiega che i suoi contributi sui social media hanno lo scopo di far capire alle persone, in particolare ai bambini e ai giovani, l’importanza della relazione con Dio.

«Non possiamo mai capire quanto grande sia Dio, perché è così grande», dice Ramsey. «Egli è così potente. Ma se leggo e prego continuamente la Parola di Dio, posso rimanere in pace, posso rimanere umile, posso incoraggiare gli altri e spero di far risplendere la Sua luce attraverso di me. »

Croci sotto gli occhi

Dimostra inoltre la sua fede dipingendo croci di colore nero sotto gli occhi durante le partite: in pratica, i calciatori si dipingono strisce nere sotto gli occhi per assorbire la luce del sole o dell’alluvione e quindi essere meno accecati. Jalen Ramsey dipinge due croci sotto gli occhi.

Indossa anche dei cuscini per la coscia, che mostrano una croce attraverso i pantaloni.

Traduzione dal tedesco: E. Schembre

Autore: Milton Quintanilla / Daniel Gerber

Fonte: Christian Headlines