Mi chiamo Davide Longo, sono nato nel 1982 in una famiglia Testimone di Geova. Già da piccolo, mia madre mi portava con lei a predicare il Regno di Geova, a soli 4 anni facevo volantinaggio di porta in porta. A otto anni   cominciai a fare i primi discorsi in sala, a 10 diventati un proclamatore non battezzato, idoneo per girare di porta in porta. Ogni mese dovevo compilare un rapporto di   servizio di campo, le ore e riviste che facevo e li consegnavo durante il mese.

All’età di 15 anni mi battezzai. Mi era permesso di uscire solamente con figli di Testimoni. Non potevo fare più tardi di mezzanotte o are feste con giovani per stare insieme.

Ogni volta che con alcuni giovani della mia congregazione decidevamo di organizzare qualche festicciola venivamo immediatamente richiamati dagli anziani nello stanzino della sala, venendo ricattati e dicendoci che se continuavamo cosi, “amorevolmente” ci disciplinavano e ci disassociavano dalla congregazione.

Avevo 25 anni quanto mi disassociarono per aver fatto una festa tra Testimoni di Geova, insieme a me disassociarono anche altri otto giovani Tdg

In congregazione fecero un discorso dicendo che tutti quelli che eravamo in quella festa eravamo cattive compagnie, così meritevoli di disassociazione. Con la disassociazione nessuno poteva più stare con noi o parlarci, nemmeno un saluto.

Rimasi solo, dopo aver speso tutta la mia vita in quel mondo a parte, senza   amici e senza parenti. Pensavo al suicidio. Pregando me la presi con Geova, ma il vero Dio mi chiamava dentro di me e mi diceva: “Io non sono cosi, è l’uomo che mi descrive cosi”. Nel frattempo mi               venivano in mente delle scritture: che Dio è amore e misericordioso pronto a perdonare, lento a l’ira. Per quasi due anni andavo in sala e nessuno mi salutava, ero emarginato da tutti coloro che dicevano di essere miei fratelli.

Presentai l’ottava lettera per essere riassociato, ma dopo 4 ore che tre anziani Tdg mi giudicavano dentro ad una stanza, mi fecero uscire fuori per loro poter prendere una decisione. In quel momento, pregavo Geova che mi perdonasse, dicendogli che feste non ne facevo più. Cosi entrai nella stanza e mi dissero che lo Spirito Santo gli disse che non potevano perdonarmi e che dovevo         attendere ancora. Io mi arrabbiai contro di loro e gli dissi che loro non avevano lo Spirito Santo e che non sarei venuto più in sala.

Andai nel cosiddetto “mondo”, mi feci altre amicizie, conobbi brave persone che fino ad oggi ancora frequento. Dopo tre anni ritornai di nuovo nei Testimoni di Geova, per paura che venisse la fine e per non essere distrutto da Geova, fino a quando loro mi riassociarono.

Mi fecero uno studio facendomi pressione di dover lasciare i miei "amici del mondo” perché non erano Tdg. Io gli dissi che erano dei bravi ragazzi ed anche Cristiani, la loro risposta fu: “ma non amano Geova…ti incoraggiano a pregare Geova? Ti incoraggiano ad andare in servizio”?

Io gli chiesi : dov’erano loro, “fratelli Tdg” quando io pensavo al suicidio? Che mi avevano abbandonato mentre loro (i miei amici del mondo) mi stettero vicino. Così fu che smisi di studiare e andare in sala.

Dopo 3 anni mio fratello si dissociò dai Testimoni di Geova, mi disse che Geova non era Dio e che la Speranza è solo Celeste. Facendo delle ricerche mi resi conto che era veramente cosi.

Andai a cercare una comunità evangelica per adorare Gesù Cristo, lì sentii una pace… e una bella presenza da parte di Dio, una gioia dentro di me mai provata nei Testimoni di Geova.                                                                                        Il Signore mi ha strabenedetto mi ha dato una bella famiglia spirituale, tanti amici e una bella ragazza umile e semplice, che mi ama tanto.

Ad agosto 2016 ci siamo sposati.

La mia famiglia se ne uscita dai tdg, anche mio padre che è stato guarito da un tumore, che è scomparso, attraverso le preghiere e un’unzione fatto in comunità. Il Signore si è rivelato con potenza nella mia famiglia e con tanto amore. A Cristo Gesù l’onore e la gloria nei secoli dei secoli.